Tanto abbiamo parlato e lodato le nostre spiagge, i nostri litorali, le nostre isole più o meno grandi e i nostri mare. Oggi lasciamo la nostra amata Italia, lasciamo le nostre coste da Bandiera Blu, dai lidi selvaggi o quelli più popolati, salpiamo e veleggiamo sull’Adriatico fino a raggiungere la costa opposta, quella croata. Un’altra costa adriatica, diversa, meno sabbiosa, più frastagliata e costellata da migliaia di piccole isolette rocciose, selvagge, aspre e bellissime. La costa Adriatica croata non ha nulla a che vedere con il nostro Adriatico: sulla sponda italiana trovate lunghi lidi sabbiosi che da Trieste arrivano fino alle Marche, la Croazia si presenta con una costa rocciosa e movimentata, meravigliosamente disegnata da piccoli arcipelaghi di isole e scogli, da istmi e promontori affacciati su uno splendido mare Adriatico. Due sponde diverse, quella italiana e quella croata, per due esperienze di mare molto diverse.

Come raggiungere e cosa fare a Rab

Arrivare a Rab

L’isola di Rab, Arbe in italiano, è appunto una di quelle piccole isole poco a largo della costa croata, fa parte dell’arcipelago del Quarnaro, e si trova poco a sud dell’isola di Krk. Rab è collegata alla terra ferma da rapidi ed economici traghetti che salpano da Jablanac/ Stinica molto frequentemente e in circa 15 minuti vi portano in questo piccolo verde paradiso dell’Adriatico. Rab è considerata una delle isole più verdi dell’Adriatico e gironzolando per l’isola vi sembrerà quasi di trovarvi in un giardino botanico a cielo aperto. Pinete che giungono fino al mare si alternano a terrazzi coltivati a olivi, vigneti ed ortaggi, coltivati con facilità tutto l’anno grazie al particolare clima mite e la posizione riparata dell’isola. L’isola di Rab offre inoltre 100 chilometri di itinerari escursionistici fra la macchia mediterranea e la natura rigogliosa dell’isola e ben 80 chilometri di piste ciclabili, segnalati molto bene.

Le spiagge di Rab

 Rab offre spiagge per tutti i gusti, di ogni tipologia: sabbia, ghiaia e ciottoli oppure scogli piatti per stendersi al sole. Sembra che ci siano circa 200 spiagge in questa piccola isola dalle mille sorprese:  la costa frastagliata nasconde  baie e calette, alcune facilmente raggiungibili, a pochi passi dalla strada, altre da raggiungere a piedi, dopo una lunga camminata tra i boschetti di pini marittimi e macchia mediterranea. La parte meridionale dell’isola presenta tratti rocciosi con calette difficilmente raggiungibili, ma davvero incantevoli, ombreggiate da pinete e riparate da sguardi curiosi; a nord, invece, nella penisola di Lopar troverete splendide baie di sabbia con fondali bassi e litorali sicuri, ideali per famiglie con bambini.

La penisola di Lopar e le sue spiagge

Le spiagge della penisola di Lopar sono sicuramente le più sabbiose dell’isola di Rab, quelle preferite da chi viaggia con bambini, apprezzate per il fondale morbido, le acque basse e tranquille e limpidissime, ma anche quelle dedicate a naturisti, segnalate con la sigla FKK (dal tedesco Frei Körper Kultur). Solo questa piccola penisola conta ben 22 spiagge, alcune per naturisti, poche attrezzate (in realtà solo 2, Paradiso e Kastalina) e altre molto selvagge e bellissime.  La penisola è attraversata da una rete di sentieri, che si snodano tra la macchia mediterranea e lungo il costone roccioso, scendendo  fino alle spiagge. Passeggiando in un ambiente naturale di rara bellezza, troverete le indicazioni per raggiungere spiagge nuove ogni giorno, da scoprire e vivere approfittando di uno splendido clima, panorami mozzafiato e una natura ancora selvaggia ed incontaminata.

Il borgo di Rab

La città vecchia di Rab, disposta su una stretta penisola che si spinge nel mare, è considerato uno dei borghi più belli e pittoreschi dell’Adriatico, per la sua posizione, il suo inconfondibile profilo segnato dai 4 campanili e le casette in pietra dai caratteristici tetti rossi. Il borgo vecchio è circondato dalla cinta muraria di origine medievale, che racchiude splendide chiese di epoca romanica e palazzi disposti lungo strette e ripide vie che portano alla città alta. Le chiese principali della città vecchia, da cui spiccano i quattro pittoreschi campanili, sono la Chiesa Campanile di San Giovanni, dall’alto del suo campanile si ammira una vista spettacolare sui tetti della città e sulla baia, la Chiesa di Santa Giustina con il suo imponente campanile, che domina e ombreggia la piazzetta di Trg Slobode, affacciata sul mare, l’alta Torre Campanaria con i suoi 26 metri di altezza, ed infine la Chiesa di Santa Maria Maggiore,  la più importante della città, valorizzata da colorati mosaici.

Rab è un connubio perfetto fra storia, arte e divertimento. La città vecchia offre moltissime vivaci vie dove passeggiare la sera al fresco fra gli antichi palazzi e fermarsi a cena nelle pittoresche piazzette vista mare, si scende poi verso il porto, animato da un via vai di barche a vela e da locali notturni. A Rab si può trovare di tutto: belle spiagge, storia e arte, natura incontaminata, mare cristallino e una vivace cordialità.